Icardi è il Male dell’Inter??

Sicuramente i suoi rapporti con la Nord non sono idilliaci, ma da qui a consideralo il male dell’Inter no.

Ormai, si può dire che con cadenza mensile giungono nuove voci che portano sempre Icardi via dell’Inter.

Sene parla molto, troppo, clausole non clausole, rinnovo, aumento e cosi via.

La verità però è che il capitano dell’Inter ogni volta che si è esposto ha sempre detto e ribadito che vuole rimanere e ha l’Inter nel cuore.

A mio avviso questo non è poco, posso capire comunque l’ostilità della curva nord nei suoi confronti per quel fattaccio dell’autobiografia, ma come giocatore non si discute.

I numeri parlano da se, è già entrato nel top 10 dei marcatori della storia dell’Inter, e ha solo 25 anni compiuti da poco.

Io vedo Icardi una persona ambiziosa, uno che comunque si è fatto carico delle responsabilità della squadra diventando capitano in un momento difficile.

Io lo reputo l’attaccante più forte in serie A. E’ completo, ha fiuto del goal, ha fisico e ha anche un buon tiro.

Durante le partite spesso sparisce, sembra di giocar con un’uomo in meno, è vero. Questo però secondo me non è colpa sua, è colpa di un gioco di squadra che non funziona.

Ho visto molte partite in cui Icardi ha provato a sfatare questo mito il quale lo vedeva in area di rigore fisso. Ha provato ad allargarsi  o ad indietreggiare e il risultato è stato il buio totale, nessuno in area e nessuno ad appoggiarlo.

Quello che li manca è una spalla, non dico una seconda punta ma almeno un trequartista, uno che giochi sulla sua linea, uno con chi possa dialogare con il pallone.

Sono sicuro che se lui giocasse in una grande squadra il suo rendimento sarebbe veramente da top player.

Questo giusto per dire che come attaccante per me non si discute e lui nell’Inter è una pedina importante se non fondamentale e no, lui non è assolutissimamente il male dell’Inter.

Se in estate verrà ceduto mi dispiacerebbe tantissimo, perchè comunque l’inter non potrebbe rimpiazzarlo con un uno del suo livello, chi dovrebbe essere il suo erede, Lutaro Martinez?

Io continuerei con lui, e fossi nella società farei di tutto per farlo rimanere.

Il calcio comunque è un lavoro, noi da tifosi ci mettiamo il cuore, per noi è una passione ma per i calciatori è diverso. Io non li giudico per questo. Se io sono libero di voler fare carriera in un determinato ambito non vedo il perchè loro non dovrebbero farlo.

E voi, che cosa ne pensate?

 

Di la tua tramite Fb

Rispondi